WebSeo
Il coronavirus da una parte e l’incertezza sul tipo di alimentazione dall’altra hanno portato a...
WebSeo
2020-03-26 09:35:38
WebSeo logo

Blog

Crollo al mercato dell’auto causa coronavirus: -7,4% a Febbraio 2020

Ancora cali nelle immatricolazioni

Il coronavirus da una parte e l’incertezza sul tipo di alimentazione dall’altra hanno portato a una nuova contrazione del mercato dell’auto a Febbraio 2020. Dopo il -7,5% di Gennaio, Febbraio fa segnare in Europa un -7,4%, secondo i dati del Centro Studi Promotor. Complessivamente, nel primo bimestre del 2020 il mercato dell’auto europeo ha avuto un giro d’affari inferiore del 7,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Non ci si aspettano riprese miracolose per Marzo, mese in cui l’emergenza coronavirus è esplosa con impatti drammatici sulla popolazione del Vecchio Continente.

Tra le altre cose, i consumatori sono incerti riguardo l’alimentazione delle vetture. C’è infatti una certa confusione tra vetture elettriche, ibride e quelle a emissioni ridotte. Si cerca di capire in particolare dove sia più conveniente investire il proprio denaro, nella speranza di poter circolare nei prossimi anni senza eccessive restrizioni.

Per cercare di infondere nuova vita al mercato, le associazioni dei produttori e dei consumatori fanno sentire la propria voce. Si richiedono ai governi finanziamenti di vario genere, a partire dalla rimozione dell’IVA sulle vetture elettriche.
Tra i Paesi europei è la Germania quella che fa segnare la flessione più pesante a Febbraio 2020, con un -10,8% sulle immatricolazioni totali. In Italia abbiamo un altrettanto grave -8,8%, mentre in Spagna si registra un -6%. Più contenuto il calo in Francia (-2,7%) e nel Regno Unito (-2,9%).

Pur essendo cali importanti, non sono paragonabili a quelli che hanno coinvolto mercato cinese, che ha visto a Febbraio un crollo dell’80% sulle immatricolazioni, soprattutto a causa del coronavirus. Sempre in Cina, nella prima metà di marzo è già stata rilevata una flessione del 47%.
Cercando di spingere l’economia, i tassi di interesse sui prestiti sono al momento ai minimi storici. È possibile richiedere prestiti finalizzati o prestiti personali a condizioni vantaggiose, arginando almeno in parte le problematiche causate dalla diffusione del coronavirus.

Se state cercando un po’ di liquidità vi invitiamo a chiedere un preventivo gratuito a questo indirizzo.

ARTICOLI CORRELATI