WebSeo
Le più recenti previsioni di vendita dicono che nel 2020 verranno immatricolate in Italia poco...
WebSeo
2020-02-04 12:27:40
WebSeo logo

Blog

Per il mercato delle auto servono incentivi come nel 1997, parola di Promotor

  • photo

Porterebbero vantaggi green

Le più recenti previsioni di vendita dicono che nel 2020 verranno immatricolate in Italia poco più di 2 milioni di auto, segnando un rispettabilissimo +5%. Rispetto al periodo pre-crisi del 2008, siamo però su valori parecchio inferiori, per la precisione del 19,4%. La notevole contrazione è stato causata ovviamente dalle condizioni sfavorevoli in cui versa buona parte dei consumatori. Il mercato dei prestiti e i tassi ridotti stanno in parte arginando il problema, ma non abbastanza per riportare il mercato sui valori “normali”.

Ad analizzare la situazione è Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor. Secondo il suo parere è necessario un intervento del governo, in maniera similare a quanto avvenne nel 1997. Gli incentivi dello Stato porterebbero dei chiari vantaggi sia per i cittadini che per lo Stato stesso, con un incremento del PIL che potrebbe raggiungere anche lo 0,5%. Si tratta di incentivi che, da parte dello Stato, non comporterebbero una spesa reale, in quanto il denaro verrebbe recuperato attraverso l’IVA.

Una mossa del genere avrebbe ripercussioni positive anche sul piano ambientale, permettendo un rinnovo del parco auto e una netta riduzione delle emissioni. Questo consentirebbe di ridurre l’inquinamento e agevolare gli spostamenti nelle zone a traffico limitato, dove i negozianti hanno accusato un crollo negli introiti proprio a causa del minor flusso di potenziali acquirenti.

A parte l’elemento ambientale c’è poi da considerare il fattore sicurezza. Nel 2018 si contavano in Italia 55,2 morti per milione di abitanti a causa di incidenti stradali, con un’età media delle auto di ben 11 anni e 6 mesi. Nel Regno Unito invece, dove l’età media delle auto era di 8 anni, il numero di morti per milione si fermava a 27,5.

Augurandoci che il governo possa prendere in considerazione l’opzione incentivi, per il momento possiamo comunque rivolgerci ai prestiti finalizzati, che si confermano una soluzione interessante grazie agli interessi estremamente ridotti. Se volete saperne di più potete richiedere gratuitamente un preventivo da questo link.

ARTICOLI CORRELATI