WebSeo
Dopo il crollo degli ultimi anni, sembra che il mercato immobiliare si stia finalmente...
WebSeo
2019-11-20 10:35:14
WebSeo logo

Blog

Comprare casa senza mutuo? Ecco prestiti, leasing e rent to buy

  • photo

Nuovi metodi convenienti

Dopo il crollo degli ultimi anni, sembra che il mercato immobiliare si stia finalmente riprendendo. Acquistare casa è uno degli obiettivi di tantissimi italiani, ma spesso non è possibile pagare in un’unica soluzione. Di solito si preferisce quindi ricorrere ai mutui, che però non sono alla portata di tutti. Per fortuna è possibile percorrere altre strade, tra cui quella dei prestiti finalizzati, dei leasing immobiliari e del rent to buy.

Il prestito finalizzato non richiede tutte le garanzie e le documentazioni necessarie per un mutuo. Ciò significa che è più rapido e alla portata di un maggior numero di persone. Il problema, in questo caso, è che può essere utilizzato per coprire solo una parte della spesa, o per l’acquisto di abitazioni poco costose. La cifra massima ottenibile con un prestito finalizzato di questo tipo è di 50.000 euro. Andrà bene per un monolocale in zone non troppo urbanizzate, ma non per molto altro. Teniamo presente, inoltre, che i tassi di interesse dei prestiti finalizzati sono tendenzialmente superiori a quelli dei mutui. Bisogna valutare con attenzione pro e contro in base alle proprie necessità e possibilità.

Altra soluzione possibile è il leasing immobiliare. In questo caso è la banca ad acquistare l’immobile, e permette al cliente di utilizzarlo, ad alcune condizioni. Stipuleremo un contratto della durata di 8 anni, durante il quale pagheremo un canone mensile consistente, superiore a quello di un normale affitto. Dopo 8 anni potremo decidere se rinnovare il leasing, pagare la differenza e acquistare l’immobile, oppure annullare il contratto.

Più interessante è forse il rent to buy, un contratto di affitto dove l’utilizzatore si riserva il diritto di acquistare in futuro l’immobile. Bisognerà pagare un canone mensile superiore rispetto ad un affitto standard, tra il 10% e il 50% più costoso. Questo crea un deposito con cui alla fine acquistare l’abitazione. Vantaggio non indifferente è che tutte le tasse rimangono a carico del proprietario finché la transazione non viene effettivamente completata. Ciò significa che non pagheremo IMU o tasse extra, ma solo un affitto più salato del solito.

ARTICOLI CORRELATI