WebSeo
Tecnocasa ha pubblicato i dati di una nuova ricerca che riguarda il mercato immobiliare italiano....
WebSeo
2019-11-05 12:48:37
WebSeo logo

Blog

Prestiti ancora convenienti, ma gli italiani preferiscono affittare casa

  • photo

Abitudini vecchie a morire

Tecnocasa ha pubblicato i dati di una nuova ricerca che riguarda il mercato immobiliare italiano. La situazione è piuttosto chiara: il costo medio degli affitti è in crescita un po’ su tutto il territorio, mentre i prestiti personali continuano ad offrire condizioni molto vantaggiose. Nonostante questo, la percentuale di italiani che preferisce affittare casa piuttosto che comprarla è in crescita. Potrebbe apparire un dato paradossale, ma in realtà non è così.

Lo studio, basato sui dati dell’ultimo semestre, evidenzia come molti consumatori non riescano ad accedere al mercato del credito. I più penalizzati sono in questo caso i giovani, gli studenti, i lavoratori fuori sede e i monoreddito. In questi casi l’affitto risulta quindi l’unica soluzione possibile per chi è alla ricerca di una prima abitazione, o di un immobile da utilizzare per attività lavorative.

Secondo quanto rilevato da Tecnocasa con analisi condotte nelle grandi città, nei primi 6 mesi del 2019 il costo degli affitti è incrementato in media del 2,3% per i monolocali e dell’1,8% per bilocali e trilocali. Interessante notare come l’incremento sia stato registrato su tutte le fasce oggetto di analisi, coinvolgendo di conseguenza la quasi totalità del mercato.

Bologna e Milano sono le città con i rialzi maggiori, notevolmente superiori rispetto ai valori medi. Per Bologna si parla di un +5,6% per i monolocali, +4,6% per i bilocali e un considerevole +6,7% per i trilocali. Negativa la situazione degli affittuari anche a Milano, dove i dati parlano di un +6,1% per i monolocali, +4,2% per i bilocali e un +5,3% per i trilocali.

Come si può intuire, l’incremento dei prezzi deriva - almeno in parte - dalla ripresa del mercato immobiliare. Il costo delle case è in aumento, motivo per cui molti proprietari preferiscono adesso vendere il proprio immobile piuttosto che insistere sugli affitti.

A questo si aggiunge una certa riduzione del numero di case disponibili per l’affitto, causata soprattutto dai cosiddetti affitti turistici. Chi cerca un’abitazione sul lungo periodo si ritrova quindi con meno offerta sul mercato, mentre la domanda rimane pressoché invariata.

Tutto questo accade in un momento in cui i prestiti garantiscono condizioni molto vantaggiose, come abbiamo visto in un precedente articolo. Interessante anche il fenomeno dei cosiddetti prestiti green, che offrono tassi di interesse spesso inferiori rispetto a quelli dei mutui tradizionali, permettendo di costruire un’abitazione da zero con finanziamenti che coprono il 100% della spesa richiesta, fino a 100.000 euro.

ARTICOLI CORRELATI